Visualizzazioni totali

mercoledì 29 novembre 2017

i MIEI libri FLOP











CLAUDE IZNER - La serie VICTOR LEGRIS







Inizio a scrivere circa i libri e/o gli scrittori flop della mia vita.

Ho pensato e ripensato prima di iniziare una serie di post di questo tipo, amo l'arte della scrittura e la rispetto.

Ovviamente è molto difficile recensire un libro in senso lato.

Il gusto per la lettura è individuale.

C'è chi impazzisce per tutti i libri di Umberto Eco, io li ho odiati.

Ma questo non significa che Umberto Eco non sapesse scrivere.

Ma solo per non era lo scrittore giusto per me.




Allo stesso tempo amo in maniera assoluta Patrick McGrath, mentre molti altri lo trovano paranoico.

Io invece...penso a lui come a lirica pura.

Quando lo leggo mi abbandono ai sentimenti.

Lo adoro.







Ma veniamo a CLAUDE IZNER.

CLAUDE IZNER è uno pseudonimo dietro al quale si "nascondono" due sorelle libraie e scrittrici parigine, Liliane Korb (Parigi, 1940) e da sua sorella Laurence Lefèvre (Parigi, 1951) .

Scrivono dal 2003 questa serie di libri che come protagonista hanno un libraio...Victor Legris.

L'ambientazione, ed il periodo storico in cui collocano le loro storie è fenomenale.

Ovvero....Parigi, Esposizione Universale, affaire Dreyfus, il Moulin Rouge, il Can Can, i bar degli artisti bohemienne, insomma l'atmosfera è frizzante, effervescente ed innovativa.

Via via che le pagine scorrono ci si ritrova sempre piu' immersi in quell'epoca, si passeggia per Montmartre, si incontrano a volte anche degli artisti famosi (ai giorni nostri), e fin qui tutto bene.

Diciamo che i primi libri di CLAUDE IZNER li lessi in cartaceo, per cui, nonostante i tanti personaggi era molto semplice scorrere qualche pagina se magari non mi ritrovavo....ma ora, con i miei kindle (e sottolineo MIEI, visto che ne ho 2) è diventato impossibile.

Ho ritentato di leggere qualche loro romanzo, ma arrivata a meta' ho dovuto cancellarlo e passare oltre.

Storie molto leggere e allungate all'inverosimile.

Tanti personaggi, molti dei quali insulsi.

Ci si dilunga forse alla ricerca del capolavoro ...ma si scade nel banale, nel noioso nel DA EVITARE.




Per questo io dico FLOP, e passo oltre.




Conoscete CLAUDE IZNER? Se SI cosa ne pensate?

10 commenti:

  1. Alcuni di Eco li ho amati, il nome della rosa,Baudolino ad esempio altri no.
    Certo non sono scorrevoli 😊
    Grath mai letto invece.
    I miei flop? Il dottor Zivago è il primo e il secondo un libro di Aldo Busi che non sono riuscita a portare a termine causa voltastomaco. Non ne ricordo nemmeno ol titolo, pensa tu

    RispondiElimina
    Risposte
    1. succede anche a me...
      ora col kindle poi faccio presto a cancellare e dimenticare :)
      Il libro della mia vita è IL MORBO DI HAGGARD di McGrath, solo che devi starci con la mente sopra e perderti, ha un modo di scrivere sull'amore tra un uomo ed una donna poetico, meraviglioso, tassativamente non volgare...lo adoro.
      Altro libro che ho amato è LE ABITUDINI DELLE VOLPI di Indridason, qui parliamo di uno scrittore di thriller del nord europa, ma questo specifico libro si rifa' alla vita personale del commissario che era stata segnata da una tragedia, la perdita del fratello minore durante una bufera di neve islandese, mai ritrovato. LE ABITUDINI DELLE VOLPI è un libro che porta al compimento e all'epilogo...è bellissimo, ma solo se hai letto i precedenti.

      Elimina
  2. Ich lasse ein paar liebe Grüße hier.
    Einen angenehmen Abend wünscht dir
    Irmi

    RispondiElimina
    Risposte
    1. i use google translator cause i don't understand german, i replied you on your blog, good night, it is a pleasure when i read your messages :)

      Elimina
  3. Love your post dear ♥
    If you want you can check out my blog.I write about fashion,beauty and lifestyle.Maybe we can follow each other and be great blogger friends !

    http://herecomesajla.blogspot.ba/

    RispondiElimina
    Risposte
    1. thanks, i left a comment on your morning routine :)

      Elimina
  4. Eco di certo non è leggero, però per esempio Il Nome Della Rosa mi è piaciuto :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non ho mai sopportato lui e la sua retorica politica, non a caso amo tanto gli scrittori del nord europa perchè non si perdono in cavilli e chiacchiere, sono brevi, secchi, coincisi nel concetto. Molto diretti, ma affascinanti, perchè lasciano lavorare la tua mente e costruirci intorno la tua prospettiva.

      Elimina
  5. I have never heard of Claude Izner so thank you for sharing. Great post as usual.

    Have a nice day! :)

    Kisses
    What's up, Ivy?
    Instagram
    ♡♥♡♥♡♥♡♥♡♥♡♥♡♥♡

    RispondiElimina